Auguriamo alla Montali e ai suoi 4 accoliti, di pensare alle cose belle che la vita, al di fuori della politica, è sempre in grado di offrirci.

Pubblico un comunicato del Gruppo Consiliare di maggioranza Chiaravalle Domani in risposta alle fantasiose accuse dell’ex Sindaco Montali (a volte tornano!) agli uffici comunali. Ecco il link per leggere l’articolo: https://www.laltrogiornale.it/2021/03/chiaravalle-domani-non-accettiamo-le-critiche-agli-uffici-comunali-che-lavorano-con-grande-scrupolo/

Una perfetta sintesi delle strumentalizzazioni messe in atto dall’ex Sindaco Montali e dei suoi quattro accoliti. Le solite mezze verità, vecchi arnesi, vecchi metodi che non ci appartengono. Un ex Sindaco che dopo nove anni dalle sue dimissioni – non accettando il declino politico derivante da una sfiducia della sua stessa maggioranza avvenuta nel 2012, dalle primarie perse dal suo ex Assessore Giovanni Brandoni proprio contro il sottoscritto nell’aprile del 2013 e dal pessimo risultato delle elezioni del 2018 in cui l’ha vista sostenere direttamente il candidato Bianchini – pensa di calcare ancora una volta la scena politica locale impartendo lezioni di democrazia con questa sceneggiata del manifesto non affisso per violazione del regolamento, lezioni che non intendiamo accettare quali rappresentanti della volontà popolare, soprattutto dalla Montali responsabile politicamente di aver adottato un piano del centro storico sedici giorni dopo le dimissioni, aprendo di fatto la strada alla realizzazione del megastore accanto al monastero.Una battaglia per fortuna vinta grazie al coraggioso impegno di tanti consiglieri che mi sostengono e con il quale condivido ogni decisione per il bene dei cittadini. Saremmo lieti se lasciasse i Consiglieri Comunali lavorare in pace per risolvere i tanti problemi della città che la stessa Montali non riuscì nemmeno ad intravedere, augurando sinceramente a Lei e ai suoi amici di pensare alle cose belle che la vita, al di fuori della politica, è sempre in grado di offrirci.

Perché temono e vogliono impedire che il Sindaco incontri i cittadini? La mia replica al comunicato del circolo locale del Partito Democratico.

Perché temono e vogliono impedire che il Sindaco incontri i cittadini? La mia replica al comunicato del circolo locale del Partito Democratico.

“E’ vero…nella vita c’è sempre da imparare, ci si augura cose belle da trasmettere alle future generazioni ma….a volte capita che non sempre sia così”.

Inizia così il comunicato del PD di Chiaravalle che contesta la mia volontà di incontrare i cittadini in ogni luogo, anche nelle sedi delle associazioni come quella denominata Chiaravalle Domani. A ruota i circoli locali di Rifondazione Comunista e della Lega.

E’ proprio vero! Credo che ci sia sempre da imparare quando si ascoltano i cittadini con lo scopo di risolvere problematiche. Un principio che purtroppo non mi accomuna con il PD e le suddette forze politiche locali, così lontani dagli interessi reali delle persone.

Ci sono stati amministratori del PD (e anche tecnici comunali) che presso la sede di questo partito, per decenni, hanno incontrato imprenditori e costruttori (i soliti) per trasformare aree agricole in fabbricabili. Il sottoscritto incontra i cittadini in ogni luogo per una buca, un lampione, una scuola, un parco, ecc. Hanno ragione, evidentemente vogliamo trasmettere cose diverse alle future generazioni!

Se temete gli incontri che il Sindaco effettua con i cittadini in ogni luogo possibile, allora non gridate ad un attentato alla democrazia, fate semplicemente politica attraverso l’opposizione e cioè il ruolo che vi hanno assegnato, purtroppo in modo reiterato, i cittadini.

Come sempre le chiacchiere stanno a zero, ma vale un’unica regola, stare tra la gente e per la gente. Quando imparerete la lezione?

Damiano Costantini