Una città per tutti: un servizio gratuito a tutela dei minori con disturbi specifici di apprendimento.

Per superare lo scoglio delle liste di attesa e di interventi privati sempre più spesso economicamente inaccessibili alle famiglie, dallo scorso giugno il settore comunale diretto dall’assessore Cristina Amicucci ha avviato un laboratorio sperimentale di potenziamento e sostegno per bambini che presentano disturbi specifici di apprendimento, coordinato e gestito dai Servizi Sociali di Chiaravalle, con il fondamentale supporto dell’ UMEE (unità multidisciplinare dell’età evolutiva).

Sotto la supervisione di esperti, il percorso offerto mira a potenziare le abilità di letto-scrittura e calcolo anche mediante l’ausilio di software compensativi e specifici programmi di potenziamento forniti dal Comune di Chiaravalle.

All’ interno dello spazio (che abbiamo creato presso l’ex ufficio tributi, di fianco alla biblioteca comunale) i bambini lavorano ognuno specificatamente sulle rispettive difficoltà in coerenza al programma scolastico individuale, seguiti da un operatore dall’alto profilo professionale, che collabora costantemente con le insegnanti della scuola e con le famiglie.

La partecipazione di tutti i soggetti coinvolti nel servizio è attiva ed entusiasta. Molti  bambini hanno ottenuto evidenti miglioramenti, confermati anche dalle famiglie e dalle insegnanti.