Ancora investimenti per la sicurezza dei ragazzi. Al via i lavori di riqualificazione e adeguamento sismico del plesso B e della palestra della scuola di via Leopardi, per un importo di circa 470 mila euro.

Ancora investimenti per la sicurezza dei ragazzi. A breve il via ai lavori di riqualificazione e adeguamento sismico del plesso B e della palestra della scuola di via Leopardi, per un importo di circa 470 mila euro

 Leopardi 1Innovazione e sicurezza sono le parole chiave in tema di scuola per una Chiaravalle più bella. In attesa della partenza dei lavori per la costruzione di due nuovi plessi scolastici a tecnologia avanzata ed alto efficientamento energetico (stiamo attendendo il via libera dell’Inail che finanzia interamente il progetto), la nostra Amministrazione sta continuando ad operare per la riqualificazione degli edifici scolastici già esistenti.

E a breve partiranno i lavori che coinvolgeranno il plesso B delle scuole Marconi di via Leopardi, ovvero la palazzina adiacente a via N. Sauro. Si tratta di un intervento ingente volto ad adeguare sismicamente e a riqualificare tale edificio, un intervento che va a completare quello analogo effettuato lo scorso anno per il plesso A. Nel 2016, infatti, impegnammo i 337.000 Euro di un fondo regionale per mettere a norma questa porzione della struttura, procedendo anche ad opere di efficientamento energetico. La scuola di via Leopardi, infatti, è tra le più datate tra quelle del nostro territorio, risalendo al periodo post seconda guerra mondiale, e necessitava senza dubbio di una valutazione aggiornata e della relativa riqualificazione. Quest’anno lo sforzo economico è altrettanto notevole; ulteriori 337.000 Euro provenienti dai fondi comunali per l’adeguamento, sia sismico che energetico, del plesso B.

Ma non finisce qui. Procederemo, infatti, anche alla riqualificazione della palestra della scuola, che sarà interessata da interventi per l’adeguamento sismico e da lavori di sistemazione dei bagni, degli spogliatoi, della pavimentazione e dell’impiantistica. Si tratta di miglioramenti di cui beneficeranno non solo i ragazzi della scuola, ma anche tutti quelli che usufruiscono della palestra per le attività sportive pomeridiane organizzate dalle varie associazioni del territorio. Queste opere, che richiederanno un impegno di spesa di circa 130.000 Euro, saranno finanziate con un mutuo a tasso zero, concesso al nostro Comune grazie ad un accordo tra la Presidenza del Consiglio dei Ministri, l’Istituto di Credito Sportivo e l’Anci denominato “500 impianti sportivi – 500 palestre”.

Insomma, in due anni abbiamo stanziato quasi 800.000 Euro per la sicurezza dei nostri ragazzi. Soldi spesi bene, e che abbiamo potuto investire grazie ad una gestione oculata e razionalizzata della macchina amministrativa, grazie alle minori spese effettuate dall’Ente, e ai risparmi di notevole portata sulla discarica (parliamo di centinaia di migliaia di Euro che il Comune, negli anni passati, doveva pagare per la raccolta del percolato, e che ora sono invece nella disponibilità dell’Ente, grazie alla copertura della discarica). Non dimentichiamoci, infatti, che il patto di stabilità esiste ancora, al contrario di come vorrebbero farci credere le fantasie di alcuni. Ora si chiama saldo di finanza pubblica, ma nei fatti attanaglia allo stesso modo il Comune obbligandolo a non spendere più di quanto riscosso, anche se nelle sue casse sono presenti accantonamenti sostanziosi. Con questo vincolo, diventa più che mai importante investire in modo mirato e ottimizzare le spese il più possibile, elementi, questi, che da sempre hanno caratterizzato la nostra missione. D’altra parte, anche l’efficientamento energetico che coinvolge le nostre scuole è uno strumento per il risparmio, garantendo minori consumi e quindi anche minori spese.

I lavori nel plesso B e nella palestra prenderanno il via a giugno, subito dopo la chiusura della scuola, e saranno terminati prima della riapertura della stessa.

Intanto stiamo procedendo ad incaricare il tecnico per la progettazione dell’adeguamento sismico anche delle scuole di via Paganini: il nostro impegno per la sicurezza dei ragazzi non va in vacanza.

Damiano Costantini