Guida al Mepa: la nostra amministrazione affianca le imprese cittadine nella sfida online

A Chiaravalle l’impresa è sempre più online. Sono ben 14, infatti, le aziende cittadine che hanno aderito all’iniziativa “Guida al mercato elettronico della pubblica amministrazione”, organizzata dalla Cna Falconara-Chiaravalle e cofinanziata dal Comune di Chiaravalle – Assessorato alle attività produttive.

Si tratta di un corso che intende orientare le piccole e medie imprese della nostra città verso uno strumento sempre più usato dalla pubblica amministrazione, compreso il nostro Comune: il Mepa. Stiamo parlando di un mercato digitale, operativo a tutti gli effetti, in cui le pubbliche amministrazioni possono agilmente acquistare beni e servizi per valori inferiori alla soglia comunitaria. In questo mercato virtuale fornitori e imprese abilitati espongono i loro prodotti in cataloghi previsti dal sistema, avendo così modo di mettersi in vetrina ed interfacciarsi direttamente con le amministrazioni. Un approccio diverso alla vendita e all’acquisto, rapido ed efficiente, ma che necessita di alcune competenze per un corretto utilizzo.

Abbiamo così pensato di fare cosa utile fornendo alle aziende chiaravallesi la possibilità di conoscere da vicino questo sistema, apprendendone le tecniche per sfruttarlo al meglio e per aprirsi a nuove opportunità di commercio. Un aiuto concreto da parte dell’amministrazione ai nostri artigiani, che si somma ad altre iniziative che abbiamo già attuato, come la riduzione degli oneri di urbanizzazione e l’esenzione dalla tassa dei rifiuti per i giovani imprenditori che iniziano un’attività e per le imprese che assumono personale.

Partito lo scorso 16 maggio, il corso avrà un secondo seminario martedì 22 maggio, nella sede della biblioteca comunale. L’iniziativa, rivolta in particolare ad aziende del comparto artigianale (edile, impiantistica, arredamento, alimentare, ecc.) e del commercio (cancelleria, forniture sanitarie, ecc.) è stata organizzata in due fasi: la prima composta da due seminari formativi per introdurre gli imprenditori ai concetti di e-procurement, Mepa, commercio elettronico, firma elettronica, pec, consip (gestore dell’abilitazione dei fornitori e definitore dei bandi di beni e servizi) e per guidarli attraverso le normative di riferimento, la selezione dei bandi, la definizione di contratti e la creazione di fatture elettroniche; la seconda di tipo progettuale e consulenziale dedicata all’iscrizione al Mepa.

Sono particolarmente contento del successo riscosso da questa iniziativa, che va ad intercettare il bisogno delle imprese della nostra comunità di mettersi maggiormente in vista, imparando anche a muoversi in un campo nuovo che fornisce ulteriori opportunità oltre a quelle dei canali tradizionali. Se da una parte, infatti, con il Mepa il Comune può effettuare acquisti mirati e con maggiore rapidità, scegliendo fra un ampio ventaglio di possibilità e garantendo la piena trasparenza, dall’altra le aziende possono diminuire i costi commerciali, ottimizzando le tempistiche di vendita e valorizzando il proprio prodotto in un mercato concorrenziale. Da non sottovalutare anche il passaggio dal locale al globale: le imprese iscritte al Mepa, infatti, si pongono in una vetrina nazionale nei confronti delle pubbliche amministrazione, abbattendo la barriera delle distanze.

Un grazie particolare va alla Cna Falconara-Chiaravalle, con cui, come spesso è accaduto, abbiamo collaborato attivamente a questo progetto, perché crediamo fortemente che rendere i cittadini più consapevoli sia il modo migliore di far crescere loro e l’intera comunità.

Damiano Costantini