Scavi al Chiostro: accesso al locale sotto la volta (immagini)

E’ il primo risultato delle ulteriori ricerche che avevamo promesso dopo la conferenza stampa. Su autorizzazione della Soprintendenza e sotto la supervisione di questo ente, finalmente siamo riusciti ad entrare nella stanza coperta dalla volta in mattoni.

Gli operai comunali, nell’eliminare parte della pavimentazione sita all’interno del locale adiacente alla sala dei monaci, hanno prima riportato alla luce una piccola scala in mattoni e poi l’ingresso dell’ambiente voltato.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Attendiamo la relazione dei tecnici competenti per decidere, congiuntamente alla Soprintendenza, le ulteriori attività da espletare in questo ambiente riaperto dopo tanti anni dall’Amministrazione Comunale.

Nel frattempo ci accingiamo ad espletare ulteriori ricerche presso il chiostro consistenti nell’allargamento della trincea con conseguente esecuzione di un limitato saggio mirato nell’area centrale in corrispondenza dell’intersezione delle murature intercettate dalla trincea e nella definizione della planimetria delle strutture post classiche intraviste nella trincea mediante indagine geofisica non invasiva.

Con il solo scopo di permettere ai cittadini una visione dei reperti ritrovati, stiamo attivando le procedure amministrative per entrare in possesso del materiale ceramico e del tegolame dell’età romana.

Damiano Costantini​